www.trasecoli.it

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

LA CHIESA DI SANT'AGOSTINO E LA BIBLIOTECA ANGELICA - VISITA A RICHIESTA

★ ORGANIZZA LA TUA VISITA

Visita con apertura da prenotare

La Chiesa di Sant’Agostino nasconde numerosi capolavori al suo interno: dall'affresco di Raffaello del profeta Isaia (1512), alla controversa pala della Madonna di Loreto (1605 ca) del Caravaggio che ha suscitato lo sgomento della critica del tempo per i piedi nudi dei pellegrini in primo piano, all'altare maggiore di Bernini (1627).
Sarà inoltre possibile visitare, grazie all’apertura straordinaria, la Biblioteca Angelica, fondata nel 1614 dal vescovo agostiniano Angelo Rocca e considerata la prima biblioteca pubblica di Roma. Iniziata dal Borromini e completata nella metà del Settecento da Carlo Murena e Luigi Vanvitelli, è costituita da una splendida sala di lettura, il celebre vaso Vanvitelliano, con volta a botte e delimitato da pregiati scaffali lignei settecenteschi perfettamente conservati.

Appuntamento: in piazza Sat'Agostino davanti al sagrato della chiesa.
Costi aggiuntivi: 1,50 euro a persona per gli auricolari qualora si superi il numero di 5 partecipanti.

 




LA SPEZIERIA E LA CHIESA DI SANTA MARIA DELLA SCALA - VISITA A RICHIESTA

★ ORGANIZZA LA TUA VISITA

Visita con apertura da prenotare

La Spezieria del convento Carmelitano di S. Maria della Scala, nel cuore di Trastevere, rimasta attiva fino al 1954, con i suoi vasi, bilance, alambicchi di distillazione e mortai, conserva intatto l’arredamento settecentesco della “farmacia dei papi”, una delle testimonianze più vivide della vita quotidiana trasteverina dei secoli passati. Visiteremo inoltre la vicina Chiesa, costruita per accogliere un’icona miracolosa della Madonna col Bambino, perfetto esempio di architettura e decorazione secentesche.

Appuntamento: davanti all’ingresso della Chiesa in piazza della Scala, 23.
Costi aggiuntivi: 5 euro (contributo per l'ingresso alla Spezieria).






 

 

IL COLLEGIO ROMANO: LA CHIESA DI SANT'IGNAZIO E IL WUNDER MUSAEUM - VISITA A RICHIESTA

ORGANIZZA LA TUA VISITA

Visita con apertura da prenotare

Il complesso del Collegio Romano, eretto nel 1582-84 da Bartolomeo Ammannati per volere di papa Gregorio XIII Boncompagni e destinato alla formazione teologica e culturale dei gesuiti, occupa un intero isolato a due passi dal Pantheon. La chiesa di Sant'Ignazio, dall'impianto tipicamente controriformista, è celebre per la finta cupola ideata dal gesuita Andrea Pozzo (magnifico esempio di trompe l'oeil). L'architettura dell'ex Collegio dei gesuiti, sede del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dello storico Liceo Ennio Quirino Visconti, il primo regio liceo-ginnasio d'Italia fondato nel 1871, comprende la curiosa ed eclettica collezione di mirabilia nella sua nuova veste: opere d'arte, reperti naturali e strumenti scientifici appartenenti al nucleo originario dell'antico Collegii Romani Musaeum, ideato dall'erudito gesuita Athanasius Kircher nel 1651 sul modello della Wunderkammer di stampo rinascimentale e barocco.

Appuntamento: via del Caravita 8a.





GALLERIA CORSINI - VISITA A RICHIESTA

★ ORGANIZZA LA TUA VISITA

Il Palazzo Corsini, eretto dal Cardinal Riario nipote di papa Sisto IV, dal 1659 dimora della regina Cristina di Svezia. Ospita la Galleria Nazionale d'Arte Antica, fondata dal Cardinale Neri Corsini e donata allo Stato nel 1883, la prima Galleria Nazionale Italiana e l'unica quadreria settecentesca romana che sia giunta intatta fino a i giorni nostri. Al suo interno un'importante collezione cinque-seicentesca (Guido Reni, Caravaggio, Orazio Gentileschi, Salvator Rosa, Nicolas Poussin e Rubens). Verrà illustrata la storia dell'edificio nei secoli e la sua collocazione inserita in un'area al tempo poco popolata e insalubre, vicina al Tevere, in stretta continuità con l'antistante villa Farnesina del banchiere Agostino Chigi e l'Orto Botanico di Roma, all'epoca facente parte del Palazzo.

Appuntamento: in via della Lungara 10, davanti all'ingresso del Palazzo Corsini.
Costi aggiuntivi: 10 euro (contributo per l'ingresso al museo valido 7 giorni anche per Palazzo Barberini) + 1,50 euro a persona per gli auricolari qualora si superi il numero di 5 partecipanti.



 

 

PALAZZO BARBERINI - VISITA A RICHIESTA

ORGANIZZA LA TUA VISITA

Prototipo del palazzo barocco, fatto realizzare dal neo eletto al soglio pontificio Urbano VIII (Maffeo Barberini) per la propria famiglia, è frutto del lavoro dei più importanti architetti del Seicento: Carlo Maderno, Gian Lorenzo Bernini e Francesco Borromini. Museo nazionale dal 1953, vanta, all’interno di una collezione che spazia dal Trecento al Settecento, capolavori come La Fornarina di Raffaello, Giuditta e Oloferne di Caravaggio e il ritratto di Urbano VIII di mano del Bernini. Stupendi anche gli affreschi dei soffitti dei due saloni di rappresentanza al primo piano con le rappresentazioni del Trionfo della Divina Sapienza di Andrea Sacchi e il Trionfo della Divina Provvidenza di Pietro da Cortona.

Appuntamento: davanti all'ingresso del Palazzo in via delle Quattro Fontane, 13.
Costi aggiuntivi: 10 euro (contributo per l'ingresso al museo valido 7 giorni anche per Galleria Corsini) + 1,50 euro a persona per gli auricolari qualora si superi il numero di 5 partecipanti.

 




PALAZZO FALCONIERI - VISITA A RICHIESTA

ORGANIZZA LA TUA VISITA

Visita con apertura da prenotare

Trasecoli vi offre l'opportunità di approfondire la conoscenza di Francesco Borromini. Palazzo Falconieri è sede dell’Accademia di Ungheria, che gentilmente offre la possibilità di concordare visite guidate. Per questo Palazzo, Borromini ristrutturò un edificio precedente profondendo il suo estro con esiti originali e quasi visionari, ispirati ad araldica, botanica, testi ermetici rinascimentali e simboli massonici.

NB: indossare scarpe comode e basse, se il tempo lo permette sarà possibile raggiungere l'altana del palazzo, tramite una scaletta a chiocciola in metallo.

Appuntamento: davanti all'ingresso del Palazzo in via Giulia, 1 (NB: la numerazione non è progressiva, l’ingresso si trova alle spalle di Palazzo Farnese).
Costi aggiuntivi: 5 euro (biglietto di ingresso al monumento).




 

 

GALLERIA SPADA - VISITA A RICHIESTA

★ ORGANIZZA LA TUA VISITA

Nel cuore del centro storico di Roma, a un passo da Campo de’ Fiori, la Galleria racchiude nella suggestiva cornice della dimora storica la collezione del cardinale Bernardino Spada. Tra gli arredi e le decorazioni d’epoca scopriremo alcuni tra i capolavori dei maestri della pittura del ‘600, come Tiziano, Guido Reni e Orazio Gentileschi. Nell’ingresso sarà possibile ammirare una delle creazioni più sorprendenti di Borromini, la celebre galleria prospettica, gioiello degli studi sulle prospettive illusionistiche.

Appuntamento: davanti all’ingresso della galleria in piazza Capo di Ferro, 13.
Costi aggiuntivi: 5 euro (biglietto di ingresso al museo) + 1,50 euro a persona per gli auricolari qualora si superi il numero di 5 partecipanti.

 


 






 

GALLERIA DORIA PAMPHILJ - VISITA A RICHIESTA

★ ORGANIZZA LA TUA VISITA

La Galleria rappresenta il cuore espositivo di Palazzo Doria Pamphilj, tuttora appartenente a questa antica e celebre casata, che vanta tra i suoi prestigiosi componenti anche un papa, Innocenzo X, e presenta una collezione di opere che spaziano dal '400 al '700. Nei quattro bracci affacciati sul cortile interno rinascimentale, così come nelle due grandi sale adiacenti, si concentrano la maggior parte dei capolavori della collezione privata della famiglia, tra i quali ammireremo Lotto, Tiziano, Raffaello, Caravaggio, Carracci, Guido Reni, Bernini e Velazquez.

Appuntamento: davanti all’ingresso della galleria in via del Corso, 305.
Costi aggiuntivi: 12 euro (biglietto d'ingresso; 8 euro biglietto ridotto per i gruppi di minimo 15 partecipanti).







 

CASINO MASSIMO LANCELLOTTI - VISITA A RICHIESTA

★ ORGANIZZA LA TUA VISITA

Proprietà dei Giustiniani poi dei Massimo e infine dei Lancellotti, il casino seicentesco era parte di un vasto parco andato distrutto dopo il 1871 a causa della massiccia edificazione nella zona dell’Esquilino. Al suo interno, tre sale conservano gli affreschi voluti dal marchese Carlo Massimo e ispirati alla Divina Commedia dantesca, alla Gerusalemme Liberata di Tasso e all’Orlando Furioso di Ariosto (1817-1830). La riproposizione pittorica dei capolavori della letteratura italiana si deve alla confraternita dei Nazareni, un gruppo di pittori tedeschi che si rifaceva all’insegnamento dei primitivi italiani sia nei temi che nelle tecniche prescelte, che qui lascia la testimonianza più importante del proprio operato romano.

Appuntamento: in via Matteo Boiardo, 16.







Pagina 10 di 15

You are here
if(empty($r)) {$r = "";echo $r;} #/918e95#